Conto trading certificato

Conto trading certificato

continuando  con  la  lettura  dichiari  di  aver preso  visione  del disclaimer.

Tra le tante e-mail che ricevo sulla casella personale, la moda degli ultimi periodi è di parlare di conto trading certificato. Nel presente articolo faremo alcune riflessioni,  vedremo cosa ne penso, e cosa guardare se proprio ci interessano questi dati.

Per prima cosa una precisazione, non sono certificati ma semplicemente verificati.

 

Conto trading certificato

Come scritto anche sul sito stesso non c’è nessuna certezza che i dati siano reali. Se si cerca in rete si trovano diversi scritti, tutti in inglese, su come manipolare questi risultati. Del resto qualche anno fa si è scoperto che la terza azienda d’ Italia certificava i suoi conti con un PC ed uno scanner, quindi…..

Conto reale o conto demo

Ovviamente non c’è una risposta univoca. Se si possono osservare le singole operazioni, sia quelle aperte che le chiuse, allora va bene il conto reale. Se invece non si possono visionare le singole operazioni, è meglio il conto demo. Questo perché il reale si può manipolare con versamenti e prelievi. Il sistema non distingue tra operazioni di trading ed operazioni di conto e quindi i dati non risultano giusti.

Quale è la performance

Nei conti reali a volte ci sono due numeri diversi che indicano i risultati.

 

Quale guardare? Ancora una volta se abbiamo accesso alle singole operazioni, si fanno i calcoli per capirlo. Al contrario si faranno i conti sul versato e sul saldo attuale per capire la reale performance.

C:\Users\trew\AppData\Local\Microsoft\Windows\INetCache\Content.Word\2018-11-18_183339.png

Se osserviamo questi dati, le somme di depositi prelievi più la percentuale di profitto ci deve dare l’ equity.

Altri metodi usati

In altri casi si mostrano il saldo iniziale ed il saldo finale del conto. Anche in questo caso se non si mostrano i versamenti, i prelievi e le operazioni, il solo saldo è un dato che non dice niente. Cosi come mostrare l’ equity line della piattaforma, che di solito non tiene conto delle posizioni ancora aperte. Oppure mostrare un risultato fantastico in % senza contestualizzarlo col rischio assunto.

Conclusione

Mostrare risultati veritieri e comprensibili non è cosa semplice. Il servizio sopra citato si chiama “Il mio diario di forex”, nasce dall’ idea di tenere sotto controllo la propria operatività senza doverla scrivere ad ogni operazione. Non era fatto da mostrare a terzi! Sul presente sito riflessionidiuntrader.com ci sono i risultati degli ultimi anni, ma non ne è mai stata spinta la lettura come per gli altri articoli. Questo in quanto possono sempre essere interpretati e fraintesi nel bene o nel male. Personalmente non mi fido di chi mostra risultati o conti reali. Il trader per natura è schivo e riservato. Quindi l’ unica cosa utile è guardare in diretta come opera un trader e cercare di capire se si è a proprio agio a replicare la sua operatività. Proprio per questo noi operiamo in live registrando ciò che si fa. Clicca qui per vedere i video registrati.

Alla prossima riflessione.

Per  qualunque commento o questione non esitare a  contattarci. Ti risponderemo con  piacere il prima possibile.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.